Musica francese dell’inizio del XVIII sec. per strumenti antichi

Project Info

Project Description

Musica francese dell’inizio del XVIII sec.
per
Strumenti Antichi

1 ottobre
18:00 – 20:00

Auditorium, Domus Mazziniana

Programma

Paolo Biordi, viola da gamba
Francesco Romano, tiorba
eseguiranno, nell’ordine, i brani di:

  • Marin Marais
    – Suite en Re Mineur
    — Prelude
    — Allemande
    — Courante
    — Sarabande
    — Gigue
  • Johannes H. Kapsberger
    – Toccata arpeggiata
    – Toccata I
  • Le Sieur de Machy
    – Suite en Re Mineur
    — Prelude
    — Sarabande
    — Gigue
  • Marin Marais
    – La Georgienne dite la Maupertuis
    – Allemande la Marianne
  • Johannes H. Kapsberger
    – Bergamasca
    – Canario
  • Marin Marais
    – Chaconne en Fa Majeur

 

Curricula:

Paolo Biordi ha studiato con il M° Roberto Gini presso la Scuola Civica di Milano ed è docente presso il Conservatorio “L.Cherubini” di Firenze, del quale è stato Direttore dal 2006 al 2012. Ha al suo attivo numerose registrazioni discografiche per Teldec, Stradivarius, Winter&Winter, Tactus, Naxos, Symphonia, Dynamic e Astrée. Recentemente ha pubblicato un CD per Dynamic, “Viole en bourrasque”, contenente musiche inedite  di M.Marais e Sainte Colombe per viola da gamba sola. Per la casa editrice Ut Orpheus di Bologna ha pubblicato “Metodo progressivo per Viola da Gamba” (Biordi-Ghielmi), conosciuto in tutto il mondo, e per Fuzeau di Parigi “Viole de Gambe en Italie” (Biordi-Ghielmi). Ha svolto intensa attività concertistica in tutta Europa collaborando tra gli altri con “Il Giardino Armonico”, “Accademia Strumentale Italiana”, “Ensemble Baroque de Limoges”, “Ensemble Concerto” e con grandi direttori e interpreti quali Gustav Leonhardt, Christophe Coin, Uri Caine. E’ stato membro fondatore del “Quartetto italiano di viole da gamba” e più recentemente di “Esacordo”. E’ docente presso i corsi estivi del “Festival delle viole” di Gerfalco (Grosseto). E’ appassionato studioso di iconografia musicale, in particolare della viola da gamba.

 

Francesco Romano, nato a Roma, successivamente al diploma di chitarra ha approfondito la sua preparazione musicale attraverso lo studio della composizione e della direzione d´orchestra.  In seguito ha rivolto il suo interesse al repertorio rinascimentale e barocco e alla prassi esecutiva storica sugli strumenti appartenenti alla famiglia del liuto e della chitarra barocca attraverso lo  studio della trattatistica  e delle fonti antiche.

Collabora con i più importanti gruppi di musica antica europei e fra l’altro con Sir John Eliot Gardiner, Rinaldo Alessandrini, Jordi Savall, Diego Fasolis, Andrew Lawrence King, Giovanni Antonini, Christoph Coin. È membro de “Gli Incogniti”, ensemble diretto dalla violinista Amandine Beyer, con cui ha effettuato numerose registrazioni insignite con i più prestigiosi premi internazionali, tra cui il Diapason d’Or, Le Choc de la Musique, Deutsche Schallplatten, Gramophone Award etc. Svolge un’intensa attivita´concertistica come solista e come membro di formazioni da camera per le principali istituzioni musicali e festivals in Europa, America e Asia (Musikverein Wien, Festival di Innsbruck, Festival di Musica Antica Stockholm, Festival di San Pietroburgo, Tage für Alte Musik Berlin,  Haendel Festspiele Halle, Festival di Utrecht, Festival di Bruges, Festival di Ambronnay, Festival di Lyon, Festival di Regensburg, Potsdamer Festspiele, Festival Bach Leipzig, Staatskapelle Dresden, Staatsoper Stuttgart, Staatsoper Hamburg, Festival di Montreux, Theatre de la Monnaye Bruxelles, Cité de la Musique, Paris, Théatre de Champs Elyseés Paris, Early Music Festival Vancouver, Boston Early Music Festival, Accademia di S. Cecilia Roma, Teatro Regio Torino, Teatro della Pergola Firenze, Maggio Musicale Fiorentino, Festival di Stresa, Festival MITO  etc.).
Ha inciso per Harmonia Mundi, Opus 111, Naive, Symphonia, Capriccio, Edel Klassik, Hyperion, Amadeus,  ZigZag, Divox. E’ docente di chitarra e liuto presso il Conservatorio di Musica di Firenze.