Notte dei ricercatori - Festival Internazionale della Robotica

Notte dei ricercatori

Project Info

Project Description

Notte dei Ricercatori 2018, offerte artistiche diffuse per le varie sedi del Festival Internazionale della Robotica

 

28/9 21:30 - 00:00 Panorami sonori di Roma antica. Contesti, suoni e documenti musicali

Panorami sonori di Roma antica
Contesti, suoni e documenti musicali

Museo delle Navi Romane – Arsenali Medicei
28 settembre 21:30

 

Approfondimento sulla musica nella cultura romana

Responsabile: Direttore del Museo delle Navi Romane, Andrea Camilli, Pisa (Italia)

Eleonora Rocconi, Pavia (Italia)
Donatella Restani, Bologna (Italia)
Maria Chiara Martinelli, Pisa (Italia)
Gruppo musicale Ludi Scaenici: Cristina Majnero, Roberto Stanco, Pisa (Italia)

Graecia capta ferum victorem cepit, et artes intulit agresti Latio: questa celebre frase di Orazio sottolinea l’importantissimo apporto della cultura greca all’arte romana, inclusa quella musicale. Ma la vita quotidiana della Roma antica, ancor prima di assimilare forme e idiomi dal modello ellenico (ed etrusco), era pervasa da sonorità musicali legate al culto, alla vita militare e ai diversi momenti della socialità.

Nell’ambito di questa presentazione verrà fornita una panoramica dei diversi contesti (pubblici/privati, autoriali/popolari, etc.), delle sonorità (nonché dei vari strumenti che anticamente le produssero) e delle testimonianze scritte superstiti (cioè le partiture) grazie alle quali possiamo ricostruire il ruolo dell’ars musica nella cultura romana e i suoi legami con il modello greco.

Donatella Restani illustrerà i contesti, approfondendo soprattutto il rapporto tra musica e potere; Eleonora Rocconi parlerà delle sonorità e della relazione tra musica e parola (all’interno di questa sezione interverranno Cristina Majnero e Roberto Stanco, che mostreranno e faranno ascoltare tali sonorità sulle repliche degli strumenti antichi, sottolineando l’impulso che la tecnologia ha recentemente fornito alla ricerca in questo campo); Maria Chiara Martinelli parlerà infine dei documenti, essenzialmente papiri, in notazione greca che sono riconducibili a un contesto culturale romano o greco-romano, a cui seguirà l’ascolto di alcuni di essi nell’esecuzione dei musicisti sopra citati.

 

Donatella Restani è Professore Ordinario di Musicologia e Storia della musica presso il Dipartimento di Beni Culturali dell’Università di Bologna, sede di Ravenna

Eleonora Rocconi è Professore Associato presso il Dipartimento di Musicologia e Beni culturali dell’Università di Pavia, sede di Cremona

Maria Chiara Martinelli è Ricercatore presso la Scuola Normale Superiore di Pisa, Classe di Lettere e Filosofia

 

 

Interventi musicali con strumenti romani antichi ricostruiti

Ludi Scænici

Carpe Diem (Cristina Majnero, Roberto Stanco)

E tempore emergo (Cristina Majnero, Roberto Stanco)

Calpurnia (Cristina Majnero, Roberto Stanco)

Septimo (Cristina Majnero)

Tibia Gorga (Roberto Stanco)

Nenia (Cristina Majnero, Roberto Stanco)

Il gruppo Ludi Scænici è stato fondato da Cristina Majnero e Roberto Stanco che da anni compiono ricerche in questo campo, collaborando fra l’altro con la Dott.ssa A.M. Liberati, del “Museo della Civiltà Romana”, e con il “Museo de Historia di Tarragona”. Hanno composto le musiche del CD ROM “Viaggio virtuale nell’antica Roma” di “Altair 4 Multimedia” edito da Mondadori New Media che ha avuto la menzione speciale della critica al “Festival International Multimedia – 8° Prix Möbius 2000” al Centre Pompidou di Parigi. Nel 2004 la rivista “Rivivere la storia” ha dedicato un servizi al gruppo. Nel numero di Agosto-Settembre 2005 della prestigiosa rivista francese “L’Archeologue” (ed. Errance) è stato pubblicato un articolo di Cristina Majnero e Roberto Stanco sulla musica e gli strumenti dell’antica Roma. Nel 2006 il gruppo è stato ospite della trasmissione “L’Altrolato” per Radio Rai. Nel 2011 e 2012 la radio Austriaca “ORF Radio Ö1” di Vienna ha trasmesso un’intervista e alcuni brani musicali del gruppo durante una trasmissione sugli Etruschi.

Cristina Majnero e Roberto Stanco sono membri del MOISA (International Society for the Study of Greec and Roman Music and its Cultural Heritage) con sede presso il Dipartimento di Storia e Metodi per la Conservazione dei Beni Culturali di Ravenna e dell’ISGMA (International Study Group on Music Archaeology) dipartimento dell’Istituto Germanico d’Archeologia di Berlino per il quale hanno già pubblicato insieme a Peter Holmes un articolo nel 2006 su una tuba-salpinx trovata a Pompei e un altro articolo, pubblicato nel 2010 a cura di Cristina Majnero, sul ritrovamento di una lingula (ancia) di tibiae sempre proveniente da Pompei.

“Ludi Scænici” svolge attività concertistica sia in Italia che all’estero collaborando anche con l’Università “La Sapienza” di Roma e con l’Università di Tarragona (Catalogna) dove ha partecipato tra l’altro alle manifestazioni “Tarraco Viva” dal 2000 a oggi per il Museo di Storia di Tarragona; sempre in Spagna ha suonato per il ciclo di concerti “La musica a traves de los siglos” organizzati dall’Auditorium di Saragozza e per il Consorzio Turistico della Navarra nel Comune di Mendigorria (dal 2004 al 2009). In Francia il gruppo si è esibito a Bliesbruck (dal 2004 al 2009), Le Fa e Frejus all’interno delle rispettive zone archeologiche e nel Museo Archeologico di Antibes. Ha partecipato alla rassegna “Suoni di pietra – viaggio nei territori dell’Impero” per il Comune di Roma presso il Museo di Roma in Trastevere, alla manifestazione “Terra di Storia” organizzata dal Museo della Centuriazione Romana per il Comune di Borgoricco (PD), ha fatto spettacoli e tenuto una conferenza a Villadose (RO) “Mercato della centuriazione Romana”, e ha suonato nell’anfiteatro romano di Roselle (GR). Ha partecipato alle giornate romane di Augusta Raurica (Augst) dal 2002 al 2007 in Svizzera. Ha suonato nell’area archeologica di Ostia antica e di Tridentum, l’odierna Trento, ed in quelle di Carsulae e di Ocricolum in Umbria, ha partecipato all’inaugurazione del C.R.A.M. (Centro di Ricerche Archeo-Musicali) presso il Comune di Montalto di Castro (VT) e nel 2009 a Tarquinia ha suonato al convegno di archeomusicologia “La musica in Etruria”. Ha effettuato spettacoli nel Museo Archeologico di Chieti realizzando anche, con Quinto Fabriziani, la sonorizzazione dell’ambiente museale. Durante la “Settimana per i Beni Culturali” del 2003 ha tenuto una serie di concerti-lezione presso il “Museo Civico Archeologico ed Etnologico” di Modena dove ha partecipato nel 2005 e nel 2009 al “Festival Filosofia”. Nello stesso anno ha inaugurato la mostra “La musica al tempo di Aristosseno” presso il museo provinciale di Lecce e ha fatto uno spettacolo per la settimana della cultura al “Museo della Civiltà Romana” di Roma; ha anche partecipato alla realizzazione del documentario “Nero” per il “National Geographic” e ha tenuto la conferenza “Gli strumenti musicali dalle origini all’antica Roma” presso il Museo delle Origini dell’Università La Sapienza di Roma. Il gruppo si è inoltre esibito in collaborazione con il Prof. Roberto Melini del Conservatorio di Trento nell’area archeologica di Velia presso Salerno. Nel 2010 oltre alla solita attività concertistica LVDI SCÆNICI si è esibito tra l’altro al “National Museun of  Singapore” per l’inaugurazione della mostra “Pompeii”, ad Irun nei Paesi Baschi dove ha partecipato anche nel 2011 alla manifestazione “Dies Oiassonis” per il “Museo di Oiasso”, e ad una puntata della trasmissione televisiva “I Popoli del Mare” di Siusy Blady. Sempre dal 2010 partecipa alla manifestazione “Ludi Romani”, giunta alla terza edizione, che si tiene in vari siti archeologici della città di Roma.

Il CD di “Ludi Scænici” “E Tempore Emergo” (Edizioni Minstrel Roma) è stato scelto nel 2003 come colonna sonora del DVD “Tarraco” sulla storia di Tarragona, patrimonio dell’Umanità, patrocinato dall’UNESCO. Ad Aprile 2011 è uscito il secondo CD dal titolo “Festina Lente”, nel 2012 alcuni brani di questo lavoro sono stati selezionati come colonna sonora della mostra: “Les Estrusques – Civilisation de l’Italie ancienne” per il Museo “Pointe-à-Callière, Musée d’archéologie et d’histoire de Montréal” in Canada.

 

28/9 20:00 - 23:00 Esposizione NOTTURNA

  •  alla STAZIONE LEOPOLDA sarà possibile vedere robot industriali e di servizio

 

  • agli  ARSENALI REPUBBLICANI sarà possibile vedere robot chirurgici e sanitari